scritto da in Beni culturali, Presentazioni

 

Appello alla cultura per salvare il patrimonio storico civile di Caserta

Il crollo di una parte del tetto della Reggia Vanvitelliana di Caserta è solo l’ultimo episiodio della allarmante situazione di degrado e di abbandono in cui versano tanti beni prestigiosi del nostro patrimonio storico e culturale. Negli ultimi anni si sono registrati tanti altri episodi e crolli nella stessa Reggia. Purtroppo negli anni la lista degli scempi e del degrado si allunga sempre di più, con il dissesto idrogeologico delle cave, che stanno divorando le Colline Tifatine ed il massacro del paesaggio urbano della conurbazione casertana. Lo splendido borgo medioevale di Casertavecchia (uno dei più belli in Italia) deperisce nell’incuria totale. Il Belvedere di S. Leucio (un altro tesoro patrimonio Unesco dell’umanità) non riesce ad avere una degna destinazione di uso, se non per qualche evento, spesso di gusto effimero. La nuova grande biblioteca civica “Ruggiero”, da poco riaperta al pubblico, non riesce a diventare un centro di socialità e crescita di cittadinanza (come direbbe Antonella Agnoli). I vari giardini borbonici, il grande parco del Macrico da decenni  chiusi al pubblico. E si potrebbe continuare il triste elenco con tanti altri esempi. …Continua a leggere

mar03
aprile
2012

Il Museo Campano

scritto da in Beni culturali

Il Museo Campano il cui nome ufficiale completo: Museo Provinciale Campano di Capua, oggi rinnovato, è il principale museo storico dell’antica Campania (poi di Terra di Lavoro e oggi compresa nella Provincia di Caserta), oltre che uno dei più importanti della Campania e d’Italia.
Conserva la più importante collezione mondiale di Matres Matutae, dette anche Madri di Capua, provenienti dall’antica Capua.
…Continua a leggere

ven24
febbraio
2012

La Reggia di Carditello

scritto da in Beni culturali

La Reale tenuta di Carditello, sita in San Tammaro (CE), detta anche Real sito di Carditello oppure, con riferimento alla palazzina ivi presente, Reggia di Carditello, faceva parte di un gruppo di 22 siti della dinastia reale dei Borbone di Napoli posti nella Terra di Lavoro: Palazzo Reale di Napoli, Reggia di Capodimonte, Tenuta degli Astroni, Villa d’Elboeuf, Reggia di Portici, Villa Favorita, Palazzo d’Avalos nell’isola di Procida, lago di Agnano, Licola, Capriati a Volturno, Cardito, Reale
…Continua a leggere